top of page
business-insights-banner.jpg

Burning Out, Not Up: Can European Healthcare Systems Retain Young Doctors?

A seguito della nostra intervista con la dott.ssa Rita Ribeiro - Presidente dell'Associazione Nazionale degli Studenti di Medicina del Portogallo - e con il dott. Andrea Caronna - ex Presidente del Segretariato Nazionale dei Giovani Studenti di Medicina d'Italia - vorremmo evidenziare alcuni punti rilevanti, che condividono la visione dei giovani medici in Portogallo e in Italia.


🇬🇧 Clicca qui per leggere questo articolo in inglese


Entrambi i Paesi, al pari di molti altri, condividono una situazione sanitaria critica, caratterizzata da risorse limitate, flusso di medici verso l'estero, stipendi modesti, infrastrutture che necessitano di miglioramenti e significative carenze di personale.

 

In Italia, il Sistema Sanitario Nazionale è stato spesso descritto come "una macchina non adeguatamente revisionata", con liste d'attesa infinite che portano a ritardi fino a due anni per interventi critici. Il concetto di sistema sanitario non può più limitarsi alla cura delle malattie, ma dovrebbe includere un approccio preventivo più robusto.

 

È percezione comune tra i giovani medici che la nuova generazione di studenti di medicina attribuisca grande valore all'equilibrio tra vita professionale e personale. Questi giovani sono propensi ad una formazione medica più pratica e innovativa, che incorpori sistemi e metodologie digitali a fianco delle teorie tradizionali. Tuttavia, la voce degli studenti (non solo nella comunità medica, ma in generale) è ancora largamente sottorappresentata e non considerata dalle istituzioni mediche e accademiche.

 

Anche la mancanza di chiarezza sul futuro della professione e sulle opportunità di specializzazione contribuisce all'incertezza e alla disillusione degli studenti. È indispensabile adattarsi rapidamente ai cambiamenti culturali, politici, digitali e scientifici per soddisfare le esigenze e le aspettative di questa nuova generazione.

 

Senza dubbio, una tendenza sempre più evidente nel panorama medico contemporaneo è la crescente propensione dei giovani medici a intraprendere la carriera all'estero piuttosto che operare nel proprio Paese. Questo fenomeno è diventato molto più diffuso negli ultimi anni, con una percentuale significativa di professionisti che scelgono questa strada.



In Italia, ad esempio, si stima che nell'ultimo decennio l'8% dei giovani medici abbia scelto di trasferirsi all'estero per esercitare la professione. Sebbene questo dato non rappresenti la professione medica italiana, evidenzia una tendenza allarmante che non può essere trascurata.

 

Anche in Portogallo, nonostante la popolazione sia inferiore a quella italiana, non mancano i giovani medici che decidono di trasferirsi in altri Paesi per avviare la propria carriera. Si stima che circa 200 studenti all'anno lascino il Portogallo in cerca di opportunità di lavoro all'estero.



 
Chiara Rinaldi - Global Account Executive @2Logical

In conclusione, mentre l'Italia e il Portogallo affrontano sfide simili nel settore sanitario, le prospettive e le aspirazioni dei giovani studenti di medicina possono variare a seconda del contesto nazionale. Tuttavia, vi è concordanza sulla necessità di riorganizzare i sistemi sanitari per affrontare le sfide attuali e soddisfare le esigenze della nuova generazione di medici.


Comments


bottom of page