top of page
business-insights-banner.jpg

Connecting the Dots: come l'industria farmaceutica interagisce con gli operatori sanitari in Italia

Il 2024 è ormai iniziato e, mentre ci prepariamo ad affrontare il nuovo anno, vorremmo dare uno sguardo al 2023 ed esplorare le interazioni tra l'industria farmaceutica e gli operatori sanitari, in particolare nel mercato italiano.



Non è un segreto che il panorama delle interazioni medico-farmaceutiche stia subendo una trasformazione, alimentata da una forte crescita dei canali digitali e delle consuete visite face-to-face. Secondo i dati del 2023, gli investimenti promozionali in Italia sono cresciuti del 4,6% rispetto al 2022. Ma in che modo le aziende farmaceutiche riescono ad aumentare la propria portata e influenza sul mercato italiano? E quali sono le tendenze e le sfide che devono affrontare? Scopriamo come il “gioco farmaceutico” italiano si sta evolvendo nell' Era Digitale.



L'aumento delle interazioni digitali e personali

La pandemia di COVID-19 ha indotto le aziende ad adattare i propri approcci e a sfruttare in modo più efficace i canali digitali. Una delle ragioni principali della crescita degli investimenti promozionali in Italia è l'aumento delle interazioni sia digitali che personali tra le aziende farmaceutiche e i medici, ma è anche evidente lo sforzo mirato da parte di queste aziende di trovare un equilibrio tra gli incontri personali e online.


Secondo gli ultimi dati raccolti da 2Logical, le visite personali rappresentano circa la metà delle interazioni totali, mentre i canali digitali rappresentano oltre il 30%. Analogamente ad altri Paesi dell'Europa meridionale, come Spagna e Portogallo, in Italia i professionisti considerano le visite di persona il canale preferito, soprattutto tra i medici di base, piuttosto che tra gli specialisti. Questo tipo di contatto (cresciuto del 3,1%) evidenzia anche un aumento significativo delle interazioni effettuate dai reparti medici delle aziende rispetto al 2022. Un altro aspetto interessante dei dati relativi alle visite personali è che mostrano una crescita leggermente superiore nelle specialità ospedaliere come Oncologia, Immunologia e Neurologia.

 


Un esempio: la Sclerosi Multipla in neurologia

Nell'ambito dell'area della neurologia, evidenziamo come esempio quello della Sclerosi Multipla. Quest'area mostra un comportamento in parte diverso dalla media del mercato. In primo luogo, il peso delle visite personali è maggiore rispetto alla media e, di conseguenza, i canali digitali hanno meno interazioni.


Inoltre, rispetto al 2022, i prodotti/marchi leader con una SOV (Share of Voice) più elevata si sono spostati in diversi segmenti: tutti i canali, visite personali e canali digitali. Ad esempio, Tysabri era al primo posto in due di questi segmenti nel 2022, ma nel 2023 non ha ottenuto nessun posizionamento. Per quanto riguarda le interazioni effettuate da MSL (medical science liaison), sono in linea con l'anno precedente e canali come "Incontri clinici", "Visite a distanza" e "Whatsapp" sono quelli che registrano la crescita maggiore nella valutazione della loro qualità.


 
Chiara Rinaldi - Global Account Executive @2Logical

Questi dati evidenziano come l'industria farmaceutica, che tradizionalmente si è sempre basata sulle interazioni personali, si stia adeguando e stia aderendo al mondo digitale. Tuttavia, non si sta allontanando dalle interazioni personali, e questo è sicuramente un passo intelligente, dato che i medici apprezzano ancora il legame umano e la fiducia che ne consegue. I canali digitali possono anche integrare e migliorare le visite personali, ma non sembrerebbero in grado di sostituirle completamente.


È inoltre evidente che l'industria farmaceutica sta investendo maggiormente nelle aree con maggiore potenziale e domanda, come le specialità ospedaliere e gli specialisti delle malattie croniche. Tutto ciò appare sensato, in quanto si tratta di aree che richiedono soluzioni più innovative.


Tuttavia, ritengo anche che ci siano alcune sfide e rischi di cui l'industria farmaceutica dovrebbe tenere conto. Ad esempio, come garantire la qualità e la sicurezza delle interazioni digitali, soprattutto quando si tratta di informazioni sensibili e riservate. Come bilanciare la frequenza e l'intensità delle interazioni, senza sopraffare o “infastidire” i medici. Come misurare l'efficacia e l'impatto delle interazioni, sia in termini di consapevolezza che di vendite.


Volete saperne di più? Contattate all'indirizzo info@2logical.net e scoprite come 2Logical è in grado di personalizzare le soluzioni per le esigenze specifiche della vostra azienda in Italia.

Comentarios


bottom of page